Contributi Casa: Il portale casa&Famiglia

Contributi Casa Regione Veneto

 

Regione Veneto
Con ilServizio Casa di Contributi.it, oltre al mutuo adatto alle tue esigenze puoi verificare Regione per Regione quali sono i contributi oggi attivi per l’acquisto della prima casa.
 
REGOLAMENTAZIONE REGIONALE

ULTIMO AGGIORNAMENTO – 2014

CONTRIBUTO
  • SOSTEGNO PER LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’ (vedi)
  • CONTRIBUTI ACQUISTO (vedi)
  • CONTRIBUTI FINO A 30.000 EURO EMIGRATI (vedi)
PER COSA
- Acquisto alloggio prima casa
- Recupero Alloggio prima casa
- Costruzione prima casa
DESTINATARI Giovani coppie Famiglie numerose Famiglie in difficoltà: economicamente o materialmente (perdita casa, sfratto, ecc.) , Famiglie con componente portatore di handicap
PERIODO DI COPERTURA DEL BANDO Retroattiva: fino a 1 anno prima e dopo l’anno dalla pubblicazione del Bando
IL BANDO APRE / HA APERTO IL fine 2012
CHIUDE / HA CHIUSO IL fine 2012
FREQUENZA BANDO SALTUARIO
PROSSIMO BANDO (Previsione) AGOSTO p.v.
MODALITA’ PRESENTAZIONE DOMANDA PRESSO GLI UFFICI COMPENTI ENTRO LA SCANDEZA e ACCENSIONE MUTUO CONTESTUALE PER ACQUISTO/ RISTRUTTURAZIONE
RISTRUTTURAZIONE / ACQUISTO DA COSTRUTTORE PREVISTI CONTRIBUTI CASA E AGEVOLAZIONI DAL 36% AL 55% SU 48.000 EURO SCADE: 31.12.2014
ALTRO Prevista una Graduatoria secondo reddito
ASSISTENZA Per questa regione è previsto il Servizio Casa di Contributi.it innovativo, unico, personalizzato,  e la migliore assistenza creditizia, tutto a casa tua.
Richiedi Mutuo & Servizio Casa

REQUISITI PRINCIPALI DA RISPETTARE

Di seguito alcune indicazioni sui requisiti che devono essere rispettati per poter ottenere il contributo nelle varie regioni.

PRIMA CASA

La casa che si intende acquistare, per poter esser ottenuta deve risultare prima casa, quindi tutti i proprietari non devono possedere altri immobili prima casa.

REDDITO

Il nucleo familiare che risiede o risiederà nell’alloggio oggetto di agevolazione sarà ammesso a contributo nel caso in cui il suo reddito calcolato sull’ISEE o ISE (Indice sintetico Economico), sia inferiore ad un certo importo, diverso per ogni regione.

CITTADINANZA

Possono far richiesta di contributo solo chi in possesso di cittadinanza o carta di soggiorno da almeno 3 anni (dipende da regione a regione)

ALTRE AGEVOLAZIONI

Occorre che i richiedenti non abbiano usufruito di altri contributi per la stessa abitazione.

TIPOLOGIA IMMOBILE

L’immobile per il quale si fa richiesta di contributo non deve esser di lusso (Categoria catastale A/1) ma rientrare tra le categorie abitazione comprese tra A/2 e A/6

RESIDENZA

I proprietari del nuovo immobile devono risidere da un determinato numero di anni (varia da regione a regione) nella regione in cui si richiede il contributo casa

FAQ BANDO CONTRIBUTI VENETO

PER ACQUISTO, RECUPERO E COSTRUZIONE 1°CASA

Per ottenere i contributi regionali della regione Veneto sono previsti alcuni aspetti complessi:

REQUISTI PERSONALI

1 – Cittadinanza italiana

2 – Residenza in Veneto

3 – ISE (indice sintentico economico, viene elaborato dai CAFF o dai patronati) compreso tra 12.000 e 60.000 €

4 – Acquisto immobile

5 – Riservato a famiglie con almeno 1 minore a carico

6 – Oppure giovane coppia con età inferiore ai 35 anni

7 – Valido anche per conviventi “more uxorio” da almeno 2 anni (dimostrabili secondo forme di legge)

REQUISTI IMMOBILE

1 – Se in costruzione la data inzio lavori deve essere recente

2 – Non deve essere di lusso

3 – Non deve avere superare i 95 mq al netto (escluso muri ecc.)

4 – Non provenire da familiari in linea diretta

MUTUO DA CONTRARRE

1 – Deve esser sottoscritto con una banca convenzionata con la regione Veneto

2 – Deve avere importo inferiore o uguale ai 200.000 euro

3 – Deve esser inferiore all’80% del valore dell’immobile

4 – Deve avere una durata massima di 20 anni

5 – Deve esser acceso nel periodo previsto dal bando

MODALITA’

Sarà predisposta graduatoria con punteggio specifico definito in principal modo dal reddito secondo ISE e da altri aspetti specifici: presenza figli, privilegio ai portatori di handicap (+10), valutazione positiva sul risparmio energetico (+3) ecc.

Andrà presentata una domanda con tutti gli allegati da inviare via raccomanda R/R alla regione. La complessità è elevata si consiglia l’assistenza di contributi.it per la compilazione.

SOSTEGNO AL MUTUO PER LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’

Sostegno per le famiglie in difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo

REQUISTI PER OTTENERE IL CONTRIBUTO AL SOSTEGNO MUTUO

1 – Avere un ISEE (indicatore sintetico economico Equivalente) inferiore ai 25.000 €

2 – Non possedere altri immobili

3 – Residenza in Veneto ( per gli immigrati da almeno 5 anni)

4 – Forti difficoltà economiche per sostenere le rate di mutuo

5 – Il contratto di mutuo deve esser stato acceso da almeno 2 anni

6 – Occorre trasferire con surroga il mutuo presso una banca convenzionata

L’approvazione avverrà tramite graduatoria riferita al reddito e fino ad esaurimento fondi.

Il contributo sarà definito secondo reddito ISEE tra fino a un massimo di 20.000€ erogati direttamente alla banca convenzionata

 

CONTRIBUTO CASA PER EMIGRANTI

Contributo Previsto

fino al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto e fino ad un massimo di 30.000 euro per unità abitativa

Regolamentazione

La legge esclude espressamente dai propri benefici chi sia dipendente di pubbliche amministrazioni, ditte ed imprese italiane distaccato od inviato in trasferta presso uffici, cantieri e fabbriche all’estero.

È invece destinatario delle iniziative descritte nel Capo II°, finalizzate a favorire e facilitare il rientro e l’inserimento dall’estero nel territorio regionale:

1) chi possiede, congiuntamente, i seguenti requisiti:

a) è cittadino italiano;

b) è nato nel Veneto, ovvero vi ha stabilito residenza per almeno tre anni prima dell’espatrio;

c) è emigrato all’estero e vi ha risieduto per almeno cinque anni consecutivi.

2) il coniuge superstite del possessore dei requisiti indicati nel precedente punto 1);

3) il discendente, fino alla terza generazione, del possessore dei requisiti elencati nel punto 1).

Per beneficiare degli interventi previsti dalla legge, l’emigrato, il coniuge superstite o il discendente di emigrato deve, inoltre, avere stabilito, dopo il proprio ingresso nel territorio nazionale, la prima residenza in un Comune del Veneto.

La legge indica, inoltre, termini perentori entro i quali può essere esercitato il diritto ad accedere ad alcuni tra i benefici “da essa previsti:

• 4 anni dalla data di fissazione della prima residenza nel Veneto per i contributi descritti dall’art. 4 (“Alloggio”);

• 2 anni dalla predetta data relativamente ai contributi descritti dall’art. 5 (“Incentivazione di attività produttive”);

• 2 anni dalla suddetta data relativamente ai contributi previsti dall’art. 8 (“Interventi socio – assistenziali”).

Per una puntuale individuazione degli aventi diritto ai benefici di legge, con riferimento all’elenco di requisiti posto all’inizio del presente paragrafo, giova inoltre precisare quanto segue:

con riguardo ai requisiti congiunti descritti nel punto 1:

• il possesso del requisito della cittadinanza italiana da parte dell’emigrato rimpatriato ovvero dell’emigrato capostipite, nel caso di ingresso di discendenti, deve intendersi riferito al momento dell’espatrio;

• ai fini della L. R. n. 2/2003, si intendono equiparati a cittadini italiani i cittadini del cessato Impero Austro-Ungarico che, essendo nati, ovvero avendo avuto per almeno tre anni prima dell’espatrio la residenza, nei territori attualmente compresi entro i confini della Regione Veneto, sono emigrati all’estero prima del 16 luglio 1920;

• il luogo di nascita deve essere compreso nel territorio di una delle attuali province del Veneto;

• la residenza nel Veneto per almeno tre anni deve intendersi maturata nel periodo immediatamente precedente l’espatrio;

• la permanenza all’estero deve essersi prolungata, senza soluzioni di continuità, per un periodo di almeno cinque anni, immediatamente precedenti il rientro.

B) con riguardo al requisito descritto nel punto 2):

• al momento del decesso dell’emigrato non deve essere intervenuta pronuncia di divorzio o di separazione personale dei coniugi, ai sensi dell’art. 150, 2° comma c.c., ovvero qualsiasi altra causa di cessazione degli effetti civili del matrimonio;

• il coniuge superstite non deve aver contratto nuovo matrimonio.

C) con riguardo al requisito descritto nel punto 3):

• la locuzione “discendenza fino alla terza generazione”, si riferisce ai discendenti in linea retta, cioè i figli e i nipoti e pronipoti “ex filio” dei possessori dei requisiti di cui all’art. 1, comma 1°, lett. a), punto 1), della L. R. n. 2/2003.

• non è posta discriminante tra discendenza in linea paterna o materna.

• Il possesso dei requisiti sopra specificati può essere documentato nelle forme e nei modi previsti dal Decreto del Presidente della Repubblica in data 28 dicembre 2000, n. 445 (“Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”).

Possono avvalersi della facoltà di presentare le dichiarazioni sostitutive, previste agli articoli 46 e 47 del medesimo D.P.R., i soggetti individuati dall’art. 3, che si riporta per completezza:

“1. Le disposizioni del presente testo unico si applicano ai cittadini italiani e dell’Unione europea, alle persone giuridiche, alle società di persone, alle pubbliche amministrazioni e agli enti, alle associazioni e ai comitati aventi sede legale in Italia o in uno dei Paesi dell’Unione europea.

2. I cittadini di Stati non appartenenti all’Unione regolarmente soggiornanti in Italia, possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 limitatamente agli stati, alle qualità personali e ai fatti certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani, fatte salve le speciali disposizioni contenute nelle leggi e nei regolamenti concernenti la disciplina dell’immigrazione e la condizione dello straniero.

3. Al di fuori dei casi previsti al comma 2, i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione autorizzati a soggiornare nel territorio dello Stato possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 nei casi in cui la produzione delle stesse avvenga in applicazione di convenzioni internazionali fra l’Italia ed il Paese di provenienza del dichiarante.

4. Al di fuori dei casi di cui ai commi 2 e 3 gli stati, le qualità personali e i fatti, sono documentati mediante certificati o attestazioni rilasciati dalla competente autorità dello Stato estero, corredati di traduzione in lingua italiana autenticata dall’autorità consolare italiana che ne attesta la conformità all’originale, dopo aver ammonito l’interessato sulle conseguenze penali della produzione di atti o documenti non veritieri”.

         Richiedi Mutuo & Servizio Casa



style=”display:inline-block;width:300px;height:250px”
data-ad-client=”ca-pub-8666232698779912″
data-ad-slot=”9065692584″>

Richiedi Mutuo e Contributo

Richiesta Veloce Mutuo e Contributo

Regione*:Stato Civile*:

Cognome*:

Nome*:

Email*:

Telefono*:

Indirizzo*:

Provincia*:

Finalità del mutuo*:

Durata del mutuo (in anni)*:

Importo del mutuo €

Stato ricerca immobile*:

Note

ESPRESSIONE DEL CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
 Acconsento